Comunicati stampa Diritti Digitali In evidenza

COMUNICATO PIRATA – Sospesa da scuola a 13 anni. La sua colpa? Fare DaD all’aperto

Una decisione assurda, incredibile e a nostro parere vergognosa, quella della Dirigente scolastica della scuola media “Nievo” di Torino, che ha sospeso Eva, studentessa 13enne, perché seguiva le lezioni “non in un luogo consono per la didattica a distanza“.  

Decisione che vogliamo stigmatizzare, perché non sia da esempio per altre scuole e per sollecitare il Ministro e tutte le altre autorità competenti in materia a intervenire, revocando la sospensione e scusandosi con la studentessa e la Sua famiglia.  

Eva, nella sua protesta (e vogliamo augurarci che sia ancora garantito a tutti, anche agli studenti, il sacrosanto diritto di protestare), ha semplicemente evidenziato alcuni aspetti critici della DaD che anche noi, come Toscana Pirata, abbiamo sollevato ormai da tempo: problemi infrastrutturali e scarsa qualità della connessione a Internet, oltre a spazi casalinghi talvolta non adeguati.

Così la studentessa, reclamando il suo diritto a partecipare alle lezioni, ha deciso di farlo all’aperto, per strada: per tutta risposta, adducendo l’assurda motivazione della “lesione della privacy dei compagni di classe”, è stata prima espulsa dall’aula virtuale e poi sospesa dalle lezioni.Strana concezione della privacy, se proprio dobbiamo dirlo.

Con migliaia di istituti scolastici italiani che, ancora oggi a fronte della Sentenza Schrems 2 che ha invalidato il Privacy Shield, continuano a usare piattaforme informatiche che esportano dati personali fuori dall’Unione Europea senza le tutele previste dal GDPR. E ancora, con siti web non molto rispettosi degli stessi utenti, con all’interno incorporati trackers che potenzialmente ledono il diritto alla riservatezza dei visitatori.  

Insomma, quando si invoca la privacy è bene sapere di cosa stiamo parlando. Per non rischiare di apparire ridicoli quando si lede il diritto costituzionalmente garantito degli studenti come Eva a partecipare alle lezioni scolastiche, nei luoghi che ritengono più adeguati e opportuni.  

Toscana Pirata